BICENTENARIO ARMA CARABINIERI

26-11-2014 - 26-11-2020

BICENTENARIO ARMA CARABINIERI

Ricorre quest'anno il bicentenario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri le cui Regie Patenti di fondazione appunto furono promulgate il 13 luglio 1814 a Torino.
Caduto Napoleone, la Restaurazione riportò sul trono i Sovrani spodestati e tra loro anche Vittorio Emanuele I di Savoia. Questi, resosi conto dell'inadeguatezza della vecchia gendarmeria di stampo medievale a gestire il precario ordine pubblico del Regno, decise di creare un Corpo nuovo e più efficiente. La Segreteria di Guerra (l'allora Ministero della Difesa) nel giugno del 1814 predispose quindi un «Progetto di istituzione di un Corpo militare per il mantenimento del buon ordine» che fu poi trasfuso in un successivo «Progetto d'istruzione provvisoria per il Corpo dei Carabinieri Reali». Questo progetto (che contemplava anche la formazione di una sorta di Ministero degli Interni, chiamato “Direzione Generale di Buon Governo”, con la funzione di sovrintendere all'apparato di polizia di cui i Carabinieri dovevano essere la forza militare) prevedeva che “si farà ogni giorno da due Carabinieri d'ogni Brigata a cavallo, un giro di pattuglia sulle strade principali, quelle di traversa, sulle strade vicinali, nei comuni, casali, cascine ed altri luoghi del distretto di ciascuna Brigata. (...) I Marescialli e Brigadieri marceranno coi Carabinieri per i suddetti giri di pattuglia, anche per i compiti di servizio sia ordinario che straordinario. (...) I Carabinieri arresteranno i malviventi di qualunque specie anche se semplicemente sospetti, colti in flagrante contro i quali la voce dei cittadini richiederà la loro azione”.

clicca qui per leggere tutto l'articolo